Poesia/ Fame

È perché abbiamo fame di bellezza

È perché abbiamo fame di bellezza che ci annidiamo nei ritardi 

Nei bar a luci soffuse, nei ristoranti in riva al mare e dentro di noi

L’uno dentro l’altro

Io dentro te e tu dentro quello che sono

E mai dentro quello che vorrei essere

Abbiamo fame e ci stringiamo le dita e speriamo di poterci ferire

Per poterci sentire di nuovo vivi

Vivi nei nostri silenzi 

Nelle tue lunghe attese prima che io scenda dalle scale

E senza nessuna pretesa

Così come viene

In un eternità fasulla che abbiamo inventato su misura per noi

E che lentamente sgretoliamo

Come i muri di un’antica Chiesa, quelli contro i quali abbiamo fatto l’amore

All’una di notte e non per caso

Profani peccatori e un po’ ingenui come siamo sempre stati

Come dobbiamo essere per rincorrerla

Per scovarla senza inciampare in un’ossessione volgare

Per vederla arrivare all’improvviso a sfiorarci il volto

Lei

La bellezza

Che non è mai come ce la saremmo aspettata

Come l’avevamo immaginata la notte

Con la pelle liscia e un vestito da sera

Perfetta

È piuttosto un suono sottile

Un treno che frena e scivolando ritorna a casa

Una madre qualunque che abbraccia il figlio dopo averlo punito

Il tuo viso che scompare nel sole

Tra le ringhiere scomode lungo il fiume

Sulle quali amoreggiano i piccioni e i giovani amanti

E qualche nostro pensiero della notte passata

Dimenticato e sconvolto

Che rimane lì, in attesa.

Annunci

poesia\ Sipario

Il più grande spettacolo dopo che è calato il sipario

è il tuo respiro pesante mentre intrecci i pensieri

è il modo in cui corrono i tempi

sono i sogni che non ci abbandonano al mattino

e queste emozioni che ci spaventano

nel ventre del sonno in una notte tranquilla

per chi crede in Dio,

o in questo Cielo ingarbugliato

è una benedizione.

Poesia/ marinaio

Tutto quello che riesco a vedere

È questo prato sul quale ho assaggiato la vita

Quel giorno d’estate, le gambe intrecciate

A descriverci i nostri futuri

Se fosse tutto come lo vogliamo davvero

Noi oggi non saremmo qui

Io sarei un marinaio e tu un’onda del mare

E invece io sono il passante e tu

Tu sei il vaso che cade d’improvviso dal balcone