Poesia/ marinaio

Tutto quello che riesco a vedere

È questo prato sul quale ho assaggiato la vita

Quel giorno d’estate, le gambe intrecciate

A descriverci i nostri futuri

Se fosse tutto come lo vogliamo davvero

Noi oggi non saremmo qui

Io sarei un marinaio e tu un’onda del mare

E invece io sono il passante e tu

Tu sei il vaso che cade d’improvviso dal balcone

Annunci

9 pensieri su “Poesia/ marinaio

  1. Questa ha un retrogusto amaro che lascia senza parole, dopo aver assaggiato l’onda del mare: un sogno che svanisce nel vento, forse, o una vita che continua attraverso le pozzanghere di un presente, in cui, ogni oceano che le racchiude, genera tempeste senza fine. Sono attimi, poi tutto corre alle spalle dei passanti.
    Molto bella!

    Mi piace

  2. Bel finale ma opinioni contrastanti, la mia politica è quella di staccare il tu dall’io, cioè dall’idea di Adamo ed Eva che ci viene inculcata da bambini e di fare invece tanti single dove ognuno si fa il cazzo che vuole senza catene di amori che poi nei fatti si risolvono sempre in vendette ripicche e gelosie.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...